Coaching

Coaching

N° video: 40

Per tutti i manager che vogliono gestire i collaboratori con uno stile da coach.

Il coach non dà le risposte, o non lo fa quasi mai, ma fa le domande giuste affinché il coachee (il collaboratore) riconosca in se stesso una risorsa nascosta, e si attivi per esprimerla.

Compito del manager è aiutare i propri collaboratori a tirare fuori il meglio da loro stessi, riconoscere le potenzialità inespresse e superare le loro stesse aspettative.

ATTENZIONE! Nel n° definitivo dei membri del team devi inserire anche te. 

*PROMOZIONE: Se il tuo team supera i 10 membri richiedi un'offerta dedicata cliccando INFO 

Alcuni cardini su cui si basa la gestione dei collaboratori con modalità coaching 

1) C’è del buono in ogni persona. Compito del coach è saperlo riconoscere e attraverso le domande espanderlo. 

2) L’aspettativa del coach nei confronti del proprio collaboratore è più importante dell’aspettativa del collaboratore stesso. Se credo fermamente che una persona può ancora dare tanto per raggiungere gli obiettivi, questa mia aspettativa influenzerà positivamente anche l’altro fino a determinare un risultato positivo. 

3) Il primo obiettivo del coach è chiarire l’obiettivo del coachee. Quasi mai gli obiettivi sono ben formulati. E’ compito del coach tirare fuori dalla mente del coachee un obiettivo che sia specifico, misurabile, tempificabile, sotto la sua responsabilità, e raggiungibile.

4) Attraverso le domande il coach aiuta il coachee a definire gli ostacoli e superarli, soprattutto sfidando le sue stesse convinzioni.

5) Il feedback è lo strumento principale con cui il coach rinforza il percorso fatto e traccia le prossime tappe verso l’obiettivo.


Come funziona Filmanager

Ogni giorno, alla stessa ora per due mesi (via App Android, via mail e via sms) una scena di pochi minuti, accresce la consapevolezza del collaboratore e allena le sue competenze.

Filmanager lancia input di riflessione, multisensoriali e costanti, in modo da innescare i cambiamenti desiderati in maniera spontanea.

Aristotele ha detto "noi siamo quello che facciamo ripetutamente, perciò l'eccellenza non è un'azione ma un'abitudine".

Aiuta il tuo team a raggiungere l'eccellenza, lasciando che Filmanager focalizzi l'attenzione sulle best practices e ispiri le persone a fare sempre meglio grazie al potere dei film. Tutti i giorni.

Filmanager: migliora le abilità del team in automatico e senza sforzo

Fai una prova gratuita oppure richiedi una consulenza gratuita cliccando qui INFO